Era l’ora

E’ proprio vero, quando uno pensa che si sia raggiunto il peggio del peggio, ecco che un raggio di luce arriva a riportare un po di serenità proprio la nel cuore della tenebra più profonda.
La voce era gia circolata qualche giorno fa, ma adesso si fa sempre più insistente, finalmente dopo anni di buio nel panorama politico Italiano sta per aprirsi uno spiraglio, una ventata innovativa che potrebbe creare un precedente nell’immobilismo dei nostri partiti sempre uguali a se stessi.
Perché quello che ormai è sempre più evidente è che cambiano i governi, cambiano le facce (sempre troppo poco), ma le cose rimangono sempre uguali, anzi spesso si va di male in peggio. Oramai per trovare un politico degno di questo nome dobbiamo fare un salto indietro di una ventina d’anni, i nostri politici odierni sembrano più impegnati a litigare sui nomi delle formazioni, a far battute, a presenziare agli incontri mondani che a darci un governo.
Ma adesso siamo a cavallo finalmente un volto nuovo sta per fare il suo ingresso in politica, sponsorizzata nientemeno che da Clemente Mastella, corteggiata da Berlusconi (che dopo le sue fatiche amorose con la presidentessa della finlandia ha deciso di rifarsi la bocca) sta per arrivare Afef, ebbene si proprio lei, la moglie di Tronchetti Provera.

Pare che dopo le resistenze iniziali anche il marito abbia ceduto dicendo “Mia moglie ha un impegno civile che io condivido”. La stessa Afef ha affermato “Se la politica mi chiama, vuol dire che mi deciderò prima o poi a “meticciare” il Parlamento”, parole pesanti come macigni, in piena polemica con Marcellino Pera.

Sembra che la Afef, non sia così digiuna di politica come molti potrebbero pensare, infatti quando faceva la modella fra una sfilata e l’altra è riuscita a leggersi: “Diventa anche tu uno statista in 44 lezioni”, “Come riuscire a non farsi venire le zampe di galline, per lo sforzo di tenere aperti gli occhi, ad un congresso di partito”, “Se ce l’ho fatta io lo possono fare tutti, Biografia non ufficiale di Roberto Calderoli” e anche l’immancabile “Sono stato frainteso, vademecum di scuse per il politico che non deve mai giustificarsi, con nessuno!”.

Chissà dopo questo precedente quali altri grandi nomi si butteranno nella mischia, pare che quelli della lega abbiano gia contatto il lottatore nostrano di Wrestling Capitan Padiana, anche se il loro vero obiettivo rimane Rocco Siffredi, sono gia anche pronte le magliette con il nuovo slogan, nel caso l’ex porno attore accettasse: “La lega ce l’ha lungo la lega ce l’ha durissimo”.

Forza Italia, in caso dovesse fallire il corteggiamento del Playboy Silvietto si potrebbe orientare sul corvo Rockfeller, anche se quando Bondi ha saputo che senza Josè Louis Moreno il pennuto non è in grado di parlare ha fatto marcia indietro.

Ma il colpo decisivo potrebbero portarlo i DS, si mormora che Dalema sia riuscito a contattare in gran segreto lo chef Tony, che starebbe seriamente pensando di entrare in politica. Il sodalizio fra il partito della quercia e il grandissimo inventore dei Miracle Blade potrebbe concretizzarsi gia per le prossimi elezioni, pur di averlo i DS sono anche disposti a cambiare il simbolo in una quercia segata a metà da un coltello della serie 3 (la serie perfetta).
Inoltre lo chef Tony sarebbe disposto a regalare, per le elezioni, un set completo di coltelli a tutti quelli che porteranno una fotocopia della scheda elettorale recante la croce sul simbolo dei DS….

Era l’ora

Rispondi