Sono ancora vivo

Qualcuno si starà chiedendo che fine ho fatto, me lo sto chiedendo anche io. Potrei usare la classica scusa “Sono stato malato”, oppure quella che funziona ancora meglio “Sono stati i giudici comunisti”, ma non voglio ingannarvi e vi dirò la verità: Ho avuto paura, oltre alla tosse, ho avuto davvero paura…

Però non mi sento ancora pronto a parlarne, nei miei deliri per mancanza di ossigeno la fantasia si confonde spesso con la realtà, fino al punto di non sapere più se le esperienze che ricordo sono vere o sono solo un sogno ad occhi aperti.

Perciò devo prima  mettere ordine nel groviglio di neuroni urlanti che mi ritrovo nel cervello…

Sono ancora vivo

Rispondi