La Cordata

Alitalia

Una volta tanto devo prendere le difese del povero Silvietto, basta con questo gioco al massacro, tutti a dargli contro a partire dai suoi ex alleati.

Silvietto è un uomo tutto di un pezzo che ci ha fatto fare indimenticabili figure di me.. cioé del ca.. insomma importanti a livello internazionale, che ha sempre mantenuto le promesse, che ha inaugurato una nuova indimenticabile, soprattutto per noi, stagione della politica.

Ebbene questa volta Silvietto ha ragione, non è la solita bufala elettorale, non è il solito discorso per attirare voti che verrà dimenticato il giorno dopo le elezioni, la cordata di imprenditori per acquistare Alitalia c’è e io ne sono a capo.

Ebbene si è vero, l’operazione è stata sponsorizzata dal PSDI con lo slogan “O si fa l’alitalia o seppelliamo tutti a forza di porcone, a partire dai mangia chiocciole transalpini”. Se non siamo ancora usciti allo scoperto è solo perché stiamo ancora racimolando i fondi per la complessa operazione finanziaria.

Per adesso ho impegnato la mia opel astra, che l’altra sera mi s’è riguastata maremma stramaiala, Lorenzo, azionista di minoranza, ha impegnato la metà dei suoi gormiti e lunedì devo andare in banca a sentì se mi fanno un mutuo a tasso agevolato.

Il mio piano è semplice semplice e verrà accettato sicuramente dai sindacati, ci sono duemila esuberi? non ci sono soldi per pagare piloti e assistenti di volo? Ecco lo slogan “Adotta un pilota Alitalia e potrai guidare un areo anche tu…”

Ebbene si! Appena diventerò amministratore delegato di Alitalia lancerò l’iniziativa, già mi vedo la pubblicità:

Campo largo di un aereo alitalia in volo, sembra tutto normale, poi all’improvviso un pennacchio di fumo si alza da uno dei motori, un boato e il motore viene avviluppato dalle fiamme. L’inquadratura passa all’interno dell’areo carrellata dei volti terrorizzati dei passeggeri, la camera si sofferma in particolare sui bambini e le donne incinta. La camera arriva alla porta della cabina di pilotaggio chiusa.

Inquadratura all’interno della cabina dove il secondo pilota e una hostess si affannano intorno al primo pilota privo di sensi, primo piano sulle mani del secondo pilota che tengono due cavi elettrici ma quando sta per appoggiarli al petto del pilota svenuto, per rianimarlo come fa il Dr. House, un cortocircuito lo fulmina.

Silenzio improvviso, l’inquadratura ritorna nella zona passeggeri, hostess passerona con il petto in evidenza che mormora le fatidiche parole “C’è qualcuno in grado di pilotare un aereo?” un ragazzo si alza, tutti si voltano speranzosi “Io ho oltre ottomila ore di volo alla plaistascion….” salva di applausi e urrah dai passeggeri.

A questo punto la voce fuori campo che dice “Da oggi non è più necessario che accada tutto questo per poter pilotare un areo, adotta un pilota anche tu e ogni 1000 euro donati all’alitalia avrai diritto ad un atterraggio, guidato da una hostess gnocca e dalla torre di controllo. auth. min. ric.”

Sono sicuro che sarà un successo…

La Cordata

Rispondi