Sostanze Proibite

6 marzo 2022, una fredda notte in un posto qualsiasi della penisola italica:

Era quasi mezzanotte, avrebbe dovuto essere sveglio ma l’ennesimo reality e il divano comodo avevano contribuito a farlo piombare in un sonno profondo.

lo squillo del campanello gli fece quasi prendere un colpo, si precipitò alla porta con il cuore in gola

– Chi è – avrebbe voluto assumere un tono autoritario ma lui stesso udì a malapena la sua voce.

– Sono io, apri, chi vuoi che sia a quest’ora?!

Era Marcello, uno dei suoi migliori amici, si era quasi dimenticato che quel mercoledì era lui che doveva andare a recuperare la roba.

-Ce l’hai?

-Certo che ce l’ho, e apri questa cazzo di porta – dovette trafficare un minuto buono con la catenella e la serratura prima di riuscire ad aprire, Marcello entrò nella piccola stanza come una furia. – Ma ti sei rincoglionito? Lo sai quello che rischiamo vero? Questa roba è sulla lista delle sostanze proibite, se ci beccano rischiamo dai 3 ai 5 anni di galera, sono dieci minuti che suono quel fottuto campanello, tanto valeva che mi mettessi a strillare il tuo nome e quando finalmente ti degni di venire alla porta ti metti anche a fare domande del cazzo.

-Scusa hai ragione, ma mi ero addormentato e quando tu hai suonato non riuscivo a capire bene cosa stesse succedendo.

Intanto Marcello avevo cominciato a tirare fuori i pacchetti dallo zaino allineandoli sul consunto tavolo in formica. Lui li fissò per un attimo, l’agitazione stava lasciando il posto ad una sensazione di soddisfazione – E’ buona la roba?

-Certo che è buona, lo sai che i nostri fornitori sono i migliori sulla piazza.

-Sei stato dall’egiziano o dal turco?

-Dal turco, ultimamente l’egiziano ha cominciato a fare un sacco di storie, dice che i vicini hanno iniziato a guardarlo in modo strano, che tiene famiglia, insomma si sta cacando sotto. Io credo che stia pensando seriamente di uscire dal giro
.
-Cazzo, questo sarebbe davvero un bel problema, il turco ha roba migliore ma sui grandi quantitativi l’egiziano non ha rivali.

-Da una parte lo capisco, fino a qualche anno fa era abbastanza facile, andavi la, prendevi la roba, se non ti coglievano sul fatto il tragitto verso casa era una passeggiata, anche se incontravi qualche ronda bastava tirar dritto con passo sicuro ed eri a posto. Ma adesso con quei maledetti cani sei fottuto, sono in grando di annusarla anche a cento metri di distanza.

Mentre parlava si era avvicinato al frigorifero e l’aveva aperto – Cazzo ma non hai neanche messo una birra in fresco? Va be dai vorrà dire che questo kebab ce lo mangeremo bevendoci la coca omaggio.

Sostanze Proibite

Rispondi