Migone e gli italiani

Il 9 gennaio sono andato con la mia compagna a vedere il nuovo spettacolo di Migone: italiani, al Manzoni di Milano.

http://www.teatromanzoni.it/manzoni/it/spettacoli/italiani

Premetto che Migone è uno dei miei comici preferiti, di quelli che fanno davvero ridere ridicolizzando le cose di tutti i giorni, mettendo a nudo le nostre debolezze e i nostri comportamenti assurdi.

Mi ricordo ancora quando lo vidi la prima volta al pub dei Bagnetti a Livorno, c’era talmente tanta gente che non si riusciva quasi a respirare, già da allora si capiva che non era il solito comico scadente che ricicla battute sentite e risentite.

Si può perciò capire lo stato d’animo con cui mi sono recato al teatro, teatro esaurito per tutte e tre le date a cartellone, pronto a sganasciarmi dalle risate per l’ennesima volta. Devo dire che alla fine ridere ho riso, ma non come in passato.

Italiani segna un punto di rottura e lo si capisce dalla scomparsa dell’immancabile occhio nero e dello spolverino bianco, che da sempre lo hanno accompagnato. Per la prima volta Migone non racconta più le incomprensioni che dividono il mondo maschile da quello femminile, ma parla di noi italiani, dei nostri vizi, delle nostre virtù e di come siamo fatti.

Lo spettacolo però non riesce ad essere incisivo, sembra sempre sul punto di decollare ma non decolla mai. Non si riesce a cogliere un filo narrativo che leghi i vari pezzi. È come se gli mancasse il rodaggio, e forse proprio di quello ha bisogno, un rodaggio con il pubblico, un affinamento e una cesellature per allungare le parti che coinvolgono e fanno ridere e tagliare quelle un po’ più noiose.

Le potenzialità ci sono e sono convinto che un artista del calibro di Migone saprà farle fruttare.

Da segnalare un paio di bis che hanno fatto venire giù il teatro, incentrati però sul vecchio cavallo di battaglia del rapporto uomo, donna. Molto probabilmente si è accorto anche lui che l’occhio nero e lo spolverino andavano dismessi con un po’ più di preparazione.

Migone e gli italiani

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *